Il CV conta?

giugno 10, 2020


agenzia lavoro conciliazione vita/lavoro microcosmi Commenti disabilitati su Il CV conta?

Il CV (Curriculum Vitae) conta?

Il 98% delle persone che si rivolge a noi per consulenze di orientamento o di carriera pensa che l’elemento fondamentale con cui troverà (o non troverà) un nuovo lavoro sia il proprio Curriculum Vitae.

Questo è solamente in parte vero.
In gran parte, invece, quello che davvero facilita il cambiamento o l’inserimento lavorativo è il percorso di consapevolezza che porta alla costruzione di un determinato CV.

Quello che inserisci dentro al tuo curriculum non è solo una lista della spesa di esperienze, il mercato del lavoro è troppo complesso e troppo saturo perché una lista della spesa vada bene.

Il tuo CV conta solo quando dentro a quel pezzo di carta sai valorizzare le tue esperienze, la mentalità con cui le utilizzi e le relazioni che hai creato e saprai creare.

Allora come fare?

Quello che funziona meglio sono alcune strategie che partono dall’analisi delle competenze formative e professionali per creare un progetto lavorativo, con degli obiettivi specifici che partono dalla consapevolezza di te e del tuo valore.

Ti conosci a fondo?
Sai quello che sei, vuoi e dove vuoi arrivare?

Senza passare da queste domande, rispondendo con sincerità, il risultato potrebbe essere un CV piatto, poco attraente che viene subito scartato.
Altre volte, se il CV tutto sommato funziona, se non hai fatto i conti con quello che vuoi, rischierai di perdere l’occasione di emergere durante il colloquio di lavoro perché non saprai raccontarti al meglio o avrai timore di dare risposte sul tuo futuro alle quali non hai mai pensato prima.

Lasciare che in fase di colloquio emergano tutte le cose a cui non hai mai pensato prima su di te e la tua carriera è uno dei peggiori, ma anche purtroppo più frequenti, sbagli che vengono commessi dai candidati.

Qualche (breve e subito utile) consiglio pratico

Trovare lavoro nel 2020 ha a che fare col tuo “racconto personale”.
Le aziende, già in difficoltà per tutto quello che ci sta succedendo, sono sempre alla ricerca di persone che sanno chi sono, cosa vogliono e dove vogliono andare.
Per questo, pescare a strascico con la motivazione “voglio un lavoro qualsiasi” (la sento il 95% dei casi di orientamento che tratto) nel 100% dei casi non porta a niente.

Alcuni consigli per fare leva sul tuo potenziale e iniziare a cercare lavoro con metodo:

  1. Inizia da te: cosa sai fare, cosa vuoi offrire, cosa ti piace e cosa ti stimola, cosa non vorresti fare e a quali compromessi non sei disposta/o a accettare?
  2. Cosa puoi fare per l’azienda alla quale ti proponi? 
    Le aziende non sono enti di beneficienza e se ti assumono è perché tu gli vai a risolvere un problema.
    Quando vai al colloquio hai già presente che problema andrai a risolvere? Come? Quali sono i progetti simili ai quali hai già lavorato?
    Hai esperienze trasversali che possono compensare alcune mancanze tecniche?
    Cosa sai già dell’azienda dove vai a fare il colloquio che possa esserti utile per lasciare un’ottima impressione?3. Cosa vuoi raccontare durante il colloquio?
    Chi sei?
    Cosa puoi fare?
    Quali risultati sai portare?
    Qual è il tuo più grande dono che ti rende diverso dagli altri candidati?
    Perché una azienda dovrebbe prendere te e non qualcun altro?

Come fare per mettere in pratica questi consigli?

Fare da zero o rivedere il proprio CV in logica di “potatura” e valorizzazione della carriera e delle competenze è uno dei compiti più difficili.
Dentro a quel foglio ci sta tutta la tua vita personale, i tuoi desideri, le tue aspettative, i tuoi successi e tutti i tuoi sbagli o rimpianti.
Per questo motivo è complesso fare il punto della situazione, per darti valore a volte devi accettare di togliere, di lasciar andare alcune cose.

Durante i centinaia di colloqui di orientamento fatti negli anni posso dirti che questo esercizio di consapevolezza ha principalmente due risultati importanti: o accetti il lavoro da fare e con quello parti per un nuovo viaggio verso il tuo successo personale e lavorativo (qualsiasi cosa questo voglia dire per te) o molli il colpo prima di iniziare perché è troppo difficile progettare quello che verrà.

Tu puoi scegliere di essere da una parte o dall’altra, dipende da te.
Come dipende solo da te la possibilità di farti supportare nel lavoro di analisi e valorizzazione da consulenti esperte per ottenere il massimo risultato nei tempi più brevi possibile.

Possiamo essere noi in Microcosmi oppure chiunque altro tu abbia a cuore ma sappi che senza un lavoro di orientamento che parta prima di tutto dal tuo racconto personale chiaro e efficace e definisca la tua strategia di ricollocazione le occasioni potrebbero sfuggirti di mano senza neanche sapere da che parte trovarle.

Se vuoi prenotare la tua prima consulenza per capire se il nostro lavoro ti può essere d’aiuto contattaci senza impegno. Il primo incontro lo offriamo noi.

Contattaci via mail a info@microcosmi.it per fissare il tuo appuntamento, la consulenza potrà essere svolta anche comodamente da casa tua in video conference con la tua consulente.

 

 

 

Tagged with:

Comments are closed.